#cacciaaldischetto, tutti insieme per un mare pulito


Migliaia di dischetti di plastica provenienti da un impianto di depurazione hanno invaso le coste tirreniche. E' importante raccoglierli prima che prendano il largo. Uniamo le forze

Risolto il mistero dei dischetti in plastica trovati spiaggiati fin dalle scorse settimane sulle coste di Campania, Toscana e Lazio. Grazie al lavoro della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera è stata accertata, secondo il comunicato stampa diffuso ieri proprio dal Comando Generale del Corpo, la fonte e la causa della proliferazione dei dischetti in plastica che proverrebbero da un impianto di depurazione sul fiume Sele, a causa di un cedimento strutturale di una vasca.

Risolto l’enigma rimane però l’inquinamento. Tanta plastica che non si dissolve mai e che può provocare danni incalcolabili all'ecosistema marino.

Legambiente invita tutti alla partecipazione, uniamo le forze e raccogliamo i famigerati dischetti prima che spariscano in mare. I rifiuti marini, composti da plastica per il 90% circa, costituiscono una vera emergenza ambientale che possiamo combattere anche a partire da un gesto semplice come pulire le spiagge. 

Comunicato stampa

Per partecipare attivamente a #cacciaaldischetto anche dopo il weekend  è possibile organizzare e proporre un’attività di pulizia attraverso il sito www.cleansealife.it

 

TUTTI INSIEME PER UN MARE PULITO!

 

Approfondimenti
Il fenomeno del marine e lake litter in Italia

 

 

 

 

 

 

Temi:
Pubblicato il22 marzo 2018