CambioPulito, i primi risultati


A 5 mesi dall’avvio della piattaforma, il whistleblowing della filiera di pneumatici e PFU dà già risultati concreti: 122 segnalazioni raccolte e 80 aziende interessate

A 7 giorni dal via libera in seconda lettura al Senato al Ddl che dovrebbe disciplinare in maniera più organica lo strumento del whistleblowing in Italia, la piattaforma CambioPulito (cambiopulito.it), che ne rappresenta il primo esempio che coinvolge un’intera filiera di aziende private, presenta il 1° Report di attività.
122 segnalazioni registrate, quasi una al giorno, 80 aziende segnalate, di cui 50 con specifica documentazione e 14 operatori commerciali attivi principalmente online, oggetto di 34 segnalazioni, cui sono associate, con descrizioni e documentazioni precise e circostanziate, pratiche illegali di evasione dell’IVA all’acquisto di pneumatici o mancato versamento del contributo ambientale per la gestione dei PFU. Elementi che hanno già consentito di inoltrare diverse delle segnalazioni raccolte al Comando Tutela Ambiente dell’Arma dei Carabinieri, per i necessari approfondimenti sulle diverse cause che portano alla generazione illegale di PFU. Nel Report anche le rotte e i flussi dei traffici illegali

Comunicato stampa

CAMBIOPULITO1° Report 

 

Leggi anche: Pneumatici, arriva la piattaforma “Cambio Pulito”

Temi:
Pubblicato il25 ottobre 2017