Ferrovie dimenticate, appello alle istituzioni per garantire la manutenzione ordinaria delle linee chiuse al traffico


Oltre 1000 chilometri di rete ferroviaria nazionale di notevole valore storico e paesaggistico rischiano l'abbandono

Dal 2011 su 1000 chilometri di rete ferroviaria italiana il traffico passeggeri è cessato, in alcuni casi tecnicamente solo “sospeso” per sopravvenute interruzioni che possono divenire definitive. Tra le linee colpite, un esempio tra tutti per comprendere il valore di ciò che stiamo perdendo, c'è la bellissima Sulmona-Castel di Sangro. Si tratta della più alta linea ferroviaria italiana, una possibilità di accesso al Parco Nazionale d'Abruzzo nel pieno rispetto del paesaggio e delle compatibilità ambientali. Le associazioni ambientaliste, di utenti e della mobilità sostenibile, riunite sotto l’egida di Co.Mo.Do. (Confederazione Mobilità Dolce) lanciano un appello al Governo affinchè garantisca la manutenzione ordinaria delle linee chiuse al traffico per non pregiudicarne definitivamente le possibilità di ripristino all’esercizio ferroviario. Leggi tutto

per firmare l'appello clicca qui

Temi:
Pubblicato il10 gennaio 2014