A Natale adotta una tartaruga marina


Fai un regalo originale e dai una mano alla natura: adotta una tartaruga marina. Futura, Ondina, Marlin e tanti altri esemplari ricoverati nei nostri centri di recupero hanno bisogno del tuo aiuto!    

Sono viaggiatrici instancabili, pacifiche e longeve. Vivono in acqua per tutta la vita e, se sono femmine, torneranno possibilmente sulla riva dove circa 20 anni prima sono nate, solo per deporre le uova. Le tartarughe marine sono animali affascinanti e mansueti che purtroppo subiscono l’impatto delle attività umane. 

Circa 40 mila esemplari ogni anno muoiono nel Mediterraneo perché catturati accidentalmente dai pescatori, per traumi causati dal traffico nautico, intrappolati nei rifiuti, soffocati dalle fibre plastiche fluttuanti. I nidi sulle spiagge possono essere rovinati da bagnanti inconsapevoli, dai trattori spazza spiaggia, dalle mareggiate o dai predatori. Per questo impegniamo ogni giorno i nostri esperti e numerosi volontari nelle attività di tutela e cura delle tartarughe in difficoltà.

L’adozione simbolica è un gesto concreto che contribuisce a finanziare le spese vive dei centri di recupero, le medicine necessarie, gli interventi veterinari e le attività di monitoraggio dei nidi.


Se vuoi proteggerle, fai un gesto d’amore:
adotta una tartaruga marina!

Scopri subito come su www.tartalove.it

 

Sul sito www.tartalove.it è possibile visionare periodicamente le foto e le brevi storie delle tartarughe da adottare personalmente o come regalo per una persona cara. Per ogni donazione verrà inviato un piccolo kit di adozione paper-free, che include un certificato di adozione, una fotografia della tartaruga scelta e un racconto più ampio della sua storia. Perché ogni esemplare ha una storia da raccontare.

C’è la possibilità inoltre di scegliere uno dei bellissimi oggetti creati da un collettivo di artigiane con materiali riciclati.

Su Worth Wearing è invece possibile acquistare t-shirt e felpe on demand con la grafica di Tartalove.

 

 

Temi:
Pubblicato il21 novembre 2018