Premio Sterminata bellezza, vincono le idee che valorizzano la bellezza del Paese guardando al futuro


La parte più bella dell'Italia ce la raccontano i vincitori del Premio Sterminata Bellezza  

Un’aula polivalente ed ecosostenibile costruita dal Consorzio legno Veneto per la scuola Sant’Ulderico frazione di Schio (VI), una originale campagna “Duorm Carmè!” promossa dal comune di Caiazzo per rilanciare tra i cittadini una corretta raccolta differenziata, la voglia e la scommessa dell’associazione Voci di Scampia per radicare nel quartiere napoletano imprese culturali. Ed ancora la “Demolizione ecomostro Monluè” (ex albergo Mondiali Italia 90) da parte del comune di Milano con annessa riqualificazione dell’area, per passare poi all’idea di Asia Benevento di creare laboratori di riciclo creativo coinvolgendo i giovani, il progetto di Italia greeters dell’associazione 6secondTO e l’impegno comune per recuperare e promuovere l’antica biblioteca del Convento dei Padri Cappuccini di Eboli da parte di Legambiente Circolo Silaris e della Comunità Francescana di Eboli. Sono le esperienze e le idee vincitrici del Premio Sterminata bellezza, il concorso ideato da Legambiente in collaborazione con Comieco, Symbola e Consiglio nazionale degli architetti per valorizzare quelle azioni concrete che contribuiscono a preservare e valorizzare la bellezza d’Italia. 

Le tante idee e le esperienze vincitrici ci mostrano la parte più bella dell’Italia: quella che fa ben sperare, che si sforza di non perdere il senso di appartenenza e che ama difendere, creare e valorizzare la sua grande bellezza, orgoglio e simbolo di un Paese tra più amati e visitati al mondo. Siamo convinti che la bellezza rappresenti una chiave importante sulla quale puntare per uscire dalla crisi economica non solo promuovendo e valorizzando  la bellezza già esistente, ma soprattutto creandone della nuova coniugando innovazione e occupazione, economia e solidarietà, qualità della vita e dell’ambiente. Oggi più che mai, si deve guardare in questa direzione per innescare nei territori processi di trasformazione che puntino a rendere più belle, moderne e vivibili le città italiane, a migliorare la qualità della convivenza, del benessere individuale e collettivo e anche a muovere creatività, vitalità e diversità guardando così al futuro. Leggi tutto

 

I vincitori del premio

www.legambiente.it/bellezza

Temi:
Pubblicato il25 giugno 2014