Presentazione del seminario "Storie di donne d'arte e di cultura"


In Italia la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico vivono un costante conflitto: da una parte troviamo l’orgoglio nazionale per la straordinaria presenza di beni artistici, dall’altra si registra un investimento drammaticamente scarso nel settore in termini di risorse, incentivi, programmazione. Semplificando si potrebbe dire che la “bellezza” non è considerata una cosa seria su cui investire.

Il seminario "Storie di donne, d’arte e di cultura. Il lavoro non tutelato di chi tutela" chiude un ciclo d incontri per celebrare 150 anni di lavoro femminile in Italia. L'obiettivo è sottolineare che le professionalità neecessarie alla gestione del settore dei beni culturali appartengono prevalentemente alle donne. Il lavoro femminile, costantemente in equilibrio tra fuori e dentro le mura domestiche, offre un enorme contributo alla conservazione, alla tutela, alla valorizzazione e alla produzione del patrimonio artistico-culturale d’Italia ma troppo spesso non è riconosciuto nè tutelato. 

Nel corso del seminario il dibattito verrà animato da restauratrici, archeologhe, archiviste, bibliotecarie, professioniste dei musei, guide turistiche, insieme a giornalisti, esperti, esponenti del mondo della cultura e dello spettacolo. Dal confronto emergeranno tutte le potenzialità del settore e la differenza di genere come elemento determinante nella gestione delle attività di tutela e valorizzazione dei beni culturali.

Il programma

Apertura 9:30 Serena Damiani e Marco Tullio Dentale – ‘La naturale inferiorità mentale delle donne’ -1900
Saluti Maria Concetta Petrollo, Direttrice della Biblioteca di Archeologia e Storia dell’arte - Francesca Boccini, Presidente dell’Associazione Vento di Tramontana
Modera  Marta Bonafoni, Direttrice Radio Popolare Roma
Introduzione Serena Morello, Fillea CGIL
Interventi Federica Di Napoli Rampolla, Restauratrice - Francesca Mariani, Restauratrice - Cristina Leotta e Federica Lamonaca , Archeologhe- Stefania Guzzo, Bibliotecaria - Maria Nicoletta Trivisano, Archivista- Beatrice Cirulli, Storica dell’Arte- Francesca Dumich, Guida Turistica- Alessia Caratelli, Conservation Scientis
Intermezzo recitato Italo Calvino “Un generale in Biblioteca”
Interventi Donato Tamblè, Direttore Soprintendenza Archivistica Lazio- “Gli archivisti di Stato garanti della memoria.” Simonetta Buttò, Direttrice della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea “Le Biblioteche italiane fra nuove tecnologie e perdite della memoria”
Libero Rossi, Componente Consiglio Superiore Beni Culturali: “Vecchie o Nuove tutele?”
Vanessa Pallucchi, Legambiente “Lavoro, ambiente e qualità del territorio”
Francesco Antonelli, Università degli Studi di Roma Tre “Le lavoratrice della cultura in Italia: caratteristiche e prospettive”
Claudio Meloni, FP CGIL Beni culturali: “Qualità del lavoro nei beni culturali e crisi del servizio pubblico”
Marco Bottazzi, Commissione Consultiva Salute e Sicurezza “Malattie professionale: le donne ne sono al riparo?”
Antonella Nonnis, Fabbrica Cultura “L’impresa al servizio di un territorio: da Museo e Territorio a FABBRICA CULTURA”
Luciana Bruno, Coordinamento Donne in bilico per la cultura “Presentazione del progetto”
Intermezzo recitato da “Il lessico dei beni Culturali”

Il seminario è stato realizzato da Fillea CGIL, Legambiente ed il Coordinamento ‘Donne in Bilico per la Cultura’ in occasione della celebrazione dei 150 di lavoro femminile. Un'iniziativa promossa dalla Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte, Associazioni ‘Amici delle Biblioteche’ e ‘Vento di Tramontana’.

Temi:
Pubblicato il23 marzo 2012