E' arrivata la Primavera della Mobilità Dolce, un ricco calendario di iniziative slow


Per chi ama camminare, pedalare, scoprire greenways e ama le ferrovie storiche, eventi in tutta Italia fino al 21 giugno promossi da A.Mo.Do -Alleanza della Mobilità Dolce -piattaforma di oltre 20 associazioni italiane per la fruizione lenta del paesaggio italiano

Promuovere la diffusione di una mobilità lenta e non motorizzata, per una fruizione sostenibile e rispettosa del paesaggio italiano. E' questo lo scopo della Primavera della mobilità dolceun ricco calendario di appuntamenti, dal 21 marzo al 21 giugno, per chi ama pedalare, camminare su vie storiche e nella natura, scoprire ferrovie turistiche ed immergersi nella cultura e nel paesaggio del nostro territorio.

Ce n'è per tutti i gusti, a iniziare dai Cammini del Buon Vino, promossi da Borghi Autentici d’Italia nell’anno del cibo buono del Mibact con l’obiettivo di riscoprire i piccoli borghi italiani lungo le reti della mobilità dolce e la cultura dell’agroalimentare.  Per gli amanti delle due ruote l’associazione ARI Randonneur, propone con cinque “randonnèe” tra aprile e maggio, nell’ambito della campagna “strade da vivere” per la sicurezza dei ciclisti sulle strade. Rete dei Cammini invita dalla prima domenica di maggio e per tutto il mese a unirsi alla decima edizione della giornata/mese nazionale dei cammini francigeni con eventi di cammino in tutta la Penisola, Isole comprese. Per chi preferisce un tuffo nella natura si può scegliere tra CamminaNatura, organizzato da AIGAE e Legambiente, a partire dal 22 maggio, giornata internazionale della biodiversità fino a inizio giugno, per scoprire parchi e riserve o la storica giornata delle Oasi del WWF Italia del 20 maggio, che proporrà eventi legati alla mobilità dolce nella natura.

E ancora tantissime proposte: ci si potrà unire al Touring Club italiano in cammino sul Sentiero degli Dei tra Bologna e Firenze, o per un inedita Navigazione sul Naviglio Grande a Milano, o una originale escursione a cavallo sul Vesuvio, oppure scegliere di scoprire giardini e paesaggi italiani guidati nell'educazione dello sguardo al paesaggio da AIAPP, l’Associazione degli architetti del Paesaggio. Si potrà scegliere di essere accompagnati da Federtrek lungo l'Appennino da rivivere camminando verso i borghi italiani tra Santo Stefano di Sessanio, Spello, Gerace, Corcumello o Amalfi, o preferire gli eventi in notturna organizzati da FIE, tutti dal titolo evocativo come a cercar fate e folletti al chiar di luna.

Tra gli eventi di spicco della manifestazione, il 26 e 27 maggio sarà dedicato alla Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie, durante la quale alcuni delle migliaia di chilometri di storiche ferrovie e tracciati dismessi verranno valorizzati per tornare al centro di un progetto di rigenerazione territoriale.

A giugno, la Primavera della Mobilità Dolce si chiuderà con una Maratona Ferroviaria che studierà in un viaggio collettivo e ricco di incontri con il territorio i tracciati ferroviari di Toscana, Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta.

 

Per il programma completo www.mobilitàdolce.net  

 

AmoDo, Alleanza per la Mobilità Dolce – a cui aderiscono Touring Club Italiano, AEC, Legambiente, Federazione Italiana Ferrovie Turistiche e Museali, Italia Nostra, Federtrek, UTP Assoutenti, Associazione Greenways, AICS, Kyoto Club, Napoli Pedala, Federparchi, Associazione Italiana Turismo Responsabile, AIGAE, Città Slow, WWF, Audax Randonneur Italia, inLocomotivi, Rete dei Cammini, Iubilantes, AIPAI, Terre di Mezzo, AIAPP, Borghi Autentici d’Italia, FIE, AIG, Rivogliamo la Ferrovia Sicignano Lagonegro

 

 

Temi:
Pubblicato il26 marzo 2018