Prodotti tipici


Con questa definizione sono comunemente indicati tutti quei prodotti che hanno ottenuto dall’Unione Europea un riconoscimento Dop o Igp ai sensi del Regolamento Ce 510/06, oppure Stg secondo il Regolamento Ce 509/2006.

Il riconoscimento Dop (Denominazione di origine protetta) è concesso a quei prodotti agroalimentari le cui fasi del processo produttivo – produzione, trasformazione, stagionatura e confezionamento – si svolgono in un’area geografica delimitata, da cui traggono il nome. Le caratteristiche del prodotto, stabilite da un apposito disciplinare di produzione, sono dovute all’ambiente geografico di provenienza, comprensivo dei fattori umani e naturali. Il riconoscimento Igp (Indicazione geografica protetta) è invece concesso a quei prodotti agroalimentari allorchè una determinata qualità del prodotto è attribuibile all’area geografica, dove si svolge almeno una fase del processo produttivo, da cui trae il loro nome. Queste fasi devono essere quelle fondamentali per conferire al prodotto le sue caratteristiche peculiari, stabilite da un apposito disciplinare di produzione. Il riconoscimento Stg (Specialità tradizionale garantita), invece, è concesso a quei prodotti agroalimentari che sono ottenuti secondo un metodo di lavorazione tradizionale, al fine di tutelarne la specificità. In questo caso è la tipicità della ricetta ad essere riconosciuta e tutelata da Bruxelles, a differenza dei riconoscimenti Dop e Igp che tutelano il prodotto.

Le proposte di Legambiente

I prodotti tipici in numeri

Temi:
Pubblicato il09 maggio 2010