In ricordo di Massimo Fresu


Salutiamo un grande amico, il nostro presidente di Legambiente Sassari

 

 

 

Ancora non riesco a credere che Massimo abbia lasciato.

 

Mi rimane in mente come un grande amico, un fratello maggiore, sempre prodigo di consigli e incoraggiamenti. Io l’ho conosciuto nel 2010 durante il percorso di una delle più grandi lotte operaie, quella degli operai della Vinyls, “l’isola dei cassaintegrati”. Quando Legambiente decise di sposare la causa dei lavoratori, Massimo si dedicò anima e corpo alla battaglia in difesa del lavoro. Ricordo che grazie all’intervento di Legambiente potemmo continuare la lotta mediatica attraverso internet. Lui ci portò il computer e la chiavetta, per poter continuare a diffondere le nostre ragioni in ogni parte del globo, quando il computer si rifiutava di collaborare, Lui veniva sull’isola e lo riparava. Fu uno dei principali artefici di quella lotta vittoriosa che sfociò nella conquista del progetto “chimica verde”,la trasformazione di una chimica di base in una chimica pulita e rispettosa dell’ambiente. Seguì quel progetto con grande attenzione e competenza insieme agli esperti del settore di cui Legambiente e ricchissima. Ultimamente quella lotta Massimo l’aveva ripresa, perche i cattivi non muoiono mai e quella conquista oggi è messa in discussione. Noi porteremo avanti la battaglia forti dell’insegnamenti che Lui ci dato. Quando abbiamo portato avanti le ragioni le ragioni del Si  all’ultimo referendum abrogativo nelle piazze cittadine, massimo sembrava rinato, mostrava una forza e una determinazione tripla rispetto agli altri, e quando mi vide molto deluso per quella che io ritenevo una sconfitta, Lui mi disse, Pietro questa non e una sconfitta, ma una grande vittoria, col nostro impegno siamo riusciti a risvegliare moltissime coscienze, oggi molte più persone parlano di energia rinnovabile, di sostenibilità, difesa dell’ambiente , ecologia. Io non mi ero accorto di questo Lui aveva ragione. Era uno spettacolo vederLo programmare tutte le azioni che dovevamo intraprendere, ci esortava a dare il massimo, e ci faceva sempre i complimenti anche se alla fine era sempre Lui quello che spiccava su tutti.

 

Caro Massimo, grazie di essere stato mio amico anche se per breve tempo, lascerai in tutti noi per sempre  un bellissimo ricordo di Te, ciao

 

Temi:
Pubblicato il10 giugno 2016