Giretto d'Italia 2013, il 9 maggio città in gara per un'altra mobilità


Sfida a colpi di pedale in 23 comuni italiani, check-point nelle strade per contare quante persone usano la bici per gli spostamenti quotidiani


Il 9 maggio sfida a colpi di pedale in 23 comuni italiani. Torna il Giretto d’Italia, il campionato nazionale di ciclabilità urbana promosso da Legambiente, Città in Bici (Coordinamento Nazionale Uffici Biciclette - A21Italy) e FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) per favorire la mobilità ciclistica in città. Per il terzo anno consecutivo, i comuni che aderiscono all’iniziativa “conteranno” i loro ciclisti, gareggiando in tre gironi a seconda del numero di abitanti: città grandi, medie e piccole.
Bologna, Bolzano, Brescia, Carpi, Ferrara, Firenze, Genova, Grosseto, Milano, Modena, Padova, Parma, Pesaro, Pisa, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Saronno, Schio, Torino, Trento, Venezia e Vicenza le città in gara, dove saranno allestiti nelle strade appositi check-point per monitorare il passaggio di quanti usano la bici per gli spostamenti quotidiani. A vincere saranno i centri dove, nei varchi individuati, passerà la maggior percentuale di persone in bicicletta e quelle con il numero assoluto di ciclisti più alto.
“Con  il Giretto - dichiarano i promotori dell’iniziativa - vogliamo richiamare l’attenzione su quanti scelgono la bici per spostarsi in città e sulla necessità di fornire risposte e sostegno adeguati alla richiesta crescente di una mobilità nuova da parte dei cittadini. Aumentano, infatti, gli italiani che lasciano l’auto a casa, ma i ciclisti usano la bici a loro rischio e pericolo in città che non li prendono in considerazione e continuano a privilegiare solo le automobili. Le piste ciclabili rimangono quasi ovunque iniziative sporadiche, mal progettate o mal realizzate  e non integrate in un sistema di rete cicloviaria necessaria affinché gli utenti della strada in bicicletta possano spostarsi abitualmente in condizioni di sicurezza. Vogliamo che le strade siano ripensate per la gente e non solo per le auto, come già accade in molte città europee. E’ necessario convincere le amministrazioni che, per liberare i centri urbani dal traffico e dall'inquinamento, anche l’urbanistica va ripensata:  è indispensabile investire risorse in un cambiamento radicale, che renda le città più vivibili, moderne, attente alle esigenze dei cittadini”.
In questo senso il Giretto non è una competizione qualsiasi, ma rappresenta il primo passo di un’assunzione di responsabilità, perché l’organizzazione della sfida dipende proprio dalle amministrazioni comunali, che possono a loro volta coinvolgere le associazioni locali più attive sul fronte delle due ruote. E per l’occasione, ogni amministrazione comunale può sceglie la strategia da privilegiare per riempire il più possibile la città di ciclisti. Come mettere in campo incentivi - ad esempio omaggi, biglietti per estrazione di premi o bonus-colazioni ai cittadini che si presenteranno in bicicletta al check-point - o chiedere agli studenti o ai dipendenti di usare la bici passando per i varchi individuati e ritirando un bollino-prova, che poi verrà conteggiato in una sorta di competizione tra classi o uffici.
Le tre città che si aggiudicheranno il primo premio vinceranno ognuna una Ricicletta®, la city bike in alluminio riciclato di CIAL (Consorzio Imballaggi Alluminio), bellissima, funzionale ed ecologica.
L’organizzazione del Giretto risponde a regole ben precise per rendere il più possibile omogenee le condizioni di monitoraggio dei veicoli in transito nelle diverse città ed evitare situazioni che possano falsare la classifica. Saranno conteggiate due categorie di veicoli: le biciclette e i mezzi a motore esclusi i bus, cioè automezzi e due ruote a motore, che circolano in direzione di ingresso verso il centro città. I check-point dovranno essere posizionati su strade dove non ci sono limitazioni al traffico e non immediatamente a ridosso delle aree ztl, ma ad almeno 300 metri di distanza da eventuali accessi ad aree limitate al traffico o pedonali. Per evitare di contare due volte gli stessi mezzi, i punti stabiliti non potranno essere lungo la stessa direttrice, ma in settori diversi della città. I Circoli di Legambiente e le Associazioni aderenti alla FIAB vigileranno sul corretto svolgimento della sfida.
 La premiazione delle città vincitrici del Giretto d’Italia 2013 si terrà venerdì 31 maggio alle ore 11.30 a Bologna, nell’ambito della "Borsa del turismo delle 100 città d'Arte d'Italia" (http://www.100cities.it/).

Caterpillar-Radio2 è media partner del Giretto d’Italia 2013
L’ufficio stampa
Legambiente 06 86268399 - 76 - 53 – Alice Scialoja 339 3945428
Fiab stampa [at] fiab-onlus [dot] it - Michele Mutterle, Segretario Organizzativo FIAB Onlus 339 7007544

Temi:
Pubblicato il06 maggio 2013