Una domenica sul cantiere del GRAB


Successo delle GraBike, i tre ciclotour alla scoperta del Grande Raccordo Anulare delle Bici ideato da VeloLove in collaborazione con Legambiente, Rete Mobilità Nuova, TCI e Parco Regionale dell’Appia Antica   Il sindaco Marino: “Il GRAB si tradurrà in realtà prima del Giubileo”

 

Quello di oggi era solo un test drive, una sorta di visita al cantiere del Grande Raccordo Anulare delle Bici che potrà essere realizzato soprattutto ricucendo tra loro i lunghi spezzoni attualmente scollegati dell’anello e riqualificando i tratti esistenti. Insomma un esperimento, era la previsione della vigilia, per non più di un centinaio di biker esperti e appassionati. E invece, ai tre giri di prova (le GraBike small, medium e large), si sono presentate oltre 1500 persone, a testimoniare la voglia di veder completato il GRAB prima possibile, magari proprio alla vigilia del Giubileo come annunciato dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio e dal sindaco di Roma Ignazio Marino.

 

I velolovers che hanno preso parte alla GraBike naturalistica hanno avuto l’opportunità di percorrere tutti i 44,2 chilometri del percorso, scoprendo on the road che l’80 per cento del tracciato già oggi si snoda su piste ciclabili, strade e sentieri nel verde che potrebbero facilmente accogliere una straordinaria ciclovia turistica. E direttamente hanno potuto toccare con mano le maggiori criticità (gli attraversamenti delle consolari in particolare) su cui bisognerà intervenire per dare seguito all’idea progettuale che VeloLove ha realizzato in collaborazione con Rete Mobilità Nuova, Legambiente, TCI e Parco Regionale dell’Appia Antica. A proposito di Appia Antica: la GraBike all’interno del Parco ha fatto registrare il tutto esaurito e tantissimi hanno pedalato sul percorso small, che ha svelato una parte del GRAB che attraversa il centro storico.

 

Il sindaco Ignazio Marino, in un messaggio inviato a VeloLove e Legambiente, ha sottolineato che il GRAB “è una piccola grande opera che tutti volevamo da tempo e che si tradurrà in realtà in occasione del prossimo Giubileo della Misericordia. Potete contare sul mio appoggio concreto per la realizzazione di questo sogno”.

 

Il GRAB, il Grande Raccordo Anulare delle Bici, è stato presentato nei giorni scorsi ed è il progetto di un anello ciclopedonale di 44,2 km che si sviluppa completamente all’interno della città di Roma. E’ un’infrastruttura leggera, low cost e ad alta redditività economica e culturale, una calamita per nuovi turismi, dai cicloviaggiatori agli amanti del trekking urbano. Il percorso si snoda principalmente lungo vie pedonali e ciclabili, parchi, aree verdi e argini fluviali (31,9 km, pari al 72,2% del tracciato). Altri 3,6 km (l’8,1%) si sviluppano su marciapiede che possono facilmente accogliere una ciclabile e 6,8 km (il 15,4%) interessano strade secondarie e a bassissima intensità di traffico. Solo 1.900 metri del GRAB sono attualmente congestionati da un intenso flusso di veicoli motorizzati.

 

 

 

Info: 349 4597846           

                                              

l’idea progettuale del GRAB è su www.velolove.it/GRAB

Temi:
Pubblicato il17 maggio 2015